Home Action Figure Codeczombie, aseptic404, sag0, stuk0, Fury... randO

Codeczombie, aseptic404, sag0, stuk0, Fury… randO

Dopo avervi presentato Codeczombie e la sua arte in modo serio, ora vogliamo raccontarvelo in maniera più divertente, ma sempre attraverso una sequenza di domande e risposte.

Vediamo come ha reagito alle nostre sollecitazioni.

Nome?
Ora come ora Codeczombie, ma prima aseptic404, prima ancora sagO, ma prima stukO, prima ancora però Fury ma da sempre randO, però i miei genitori avevano pensato ad Alessandro abbinato al cognome Randi.

Il primo disegno che hai fatto?
Non mi ricordo il primo, però non sono di quelli che nascono con “il dono”, per niente, infatti ho cominciato a considerare il disegno a 18 anni circa (che nella mia timeline sarebbero da considerarsi 8 anni, -10 sul percorso di una persona normale, non so perché ma alla fine ho calcolato che sono in ritardo rispetto al percorso di tutti gli altri di circa 10 anni, se la media ci arriva a 16, io a 26 e così via), comunque a 18 anni ho deciso di comprare un blocco per disegni e mettermici seriamente “finché dura”, è durata, come tutte le cose nelle quali mi rendo conto di non essere al livello prefissatomi.
Conservo ancora il blocchetto per quelli che non credono che non sia nato con “il dono”, quando lo vedono poi se ne rendono conto.

I tuoi genitore ti sgridavano quando disegnavi sui muri?
Non sapevano che lo facessi, avevano questo figlio che non fumava, non beveva alcolici, non beveva caffè, non aveva la fidanzatina e la maggior parte dei fine settimana li passava in camera sua a “pastrocchiare” leggendo fumetti e disegnando male, al massimo andava a fare skate a 500m da casa, ad un certo punto vedevano queste bombolette spray un po’ dappertutto, ma poi mi chiamavano per farli nelle discoteche e nei locali, quindi avranno pensato che fossero lì per quello e non per altro.
Hai mai rimorchiato grazie ai tuoi disegni?
Io no, ma so di uno che, per rimorchiare, aveva detto con una che era me ed ha rimorchiato.
Sicuramente al posto suo non avrei rimorchiato dicendo che ero me.

Il tuo personaggio di anime preferito?
Non sono patito di anime, sono cresciuto con Zio Tibia, la scuola sudamericana (Breccia in primis) e i Marvel/DC, andavo a Lucca Comics negli anni 80 e quando hanno aperto il primo stand con “la roba giapponese” m’è sembrata una terribile minaccia, quella roba, secondo me, era disegnata male.
Col Giappone ero rimasto ai robottoni di Go Nagai.
Fortunatamente poi ho conosciuto anche giapponesi molto bravi, Morimoto Koji e Matsumoto Taiyo per citarne un paio.

Il tuo artista preferito?
Se la pizza fosse un artista, non avrei dubbi, direi “la pizza!”, ma purtroppo non lo è, quindi non saprei chi scegliere.

Disegno su carta o al computer?
Inizialmente su carta, ora su computer tramite Wacom Cintiq grazie alla quale m’è calata drasticamente la vista.

Colori o bianco e nero?
Bianco e nero, sono negato col colore.

Bidimensionale o tridimensionale?
Bidimensionale cercando di rendere bene i volumi, ma credo di essere più portato per il tridimensionale, il che non significa che mi consideri bravo, solo meno scarso.

Star Wars o Star Trek?
Star Wars è la ricreazione, Star Trek è l’ora di filosofia.

Go Nagai o Hayao Miyazaki?
Posso pensarci ancora un po’?

Stanley Kubrick o Bill Murray?
Stanley, sempre, su tutto e per tutto.

Cosa diresti se ti tagliassero una mano?
Se fosse la sinistra direi “fortuna che non era la destra”.
Se fosse la destra direi “ok, posso suicidarmi usando la sinistra”.

Convinci la prima persona che incontri per strada ad acquistare la tua ultima opera.
Se potessi convincere prima un personaggio famoso a comprarne una, potrei far leva su quello.

Convinci un personaggio famoso a comprare la tua opera.
Se potessi convincere prima un artista a comprarne una, potrei far leva su quello.

Convinci un artista a comprare la tua opera.
Se potessi prima convincerti a comprarne una, potrei far leva su quello.

Convincimi a comprare la tua opera.
Hai presente un artista, un personaggio famoso e la prima persona che incontri?
Ecco, compra questo toy che poi ti spiego meglio.

E’ la tua ultima opera vero?
Spero non sia una minaccia?

Saluta gli amici di EmpiRa.
Ciao EmpiRi, la prossima volta mandatemi uno bravo a farmi le domande.

Articolo precedenteStar Wars e il servizio postale francese
Articolo successivoGenitori creativi

TWITCH

I PIÙ LETTI

The Clone Wars: l’ordine cronologico degli episodi

La distribuzione della serie animata The Clone Wars in Italia è una storia lunga e travagliata. Dopo la trasmissione televisiva sia su reti privati...

The Mandalorian 2 Chapter 12: The Siege – Tutti i riferimenti e gli easter egg della puntata (IN AGGIORNAMENTO)

Eccoci di nuovo qua per il nuovo esplosivo 12° capitolo di The Mandalorian.Ricordatevi che ci serve sempre il vostro aiuto! Per cui, se trovate...

The Mandalorian 2 fa luce su un mistero legato a Kessel

The Mandalorian 2 fa luce su uno dei misteri che avvolge Kessel. I fan più attenti, avranno notato che il modo di raggiungere il...

DA NON PERDERE

The Mandalorian: Carl Weathers e le sfide nel dirigere “L’Assedio”

In un’intervista ad Empire Magazine, Carl Weathers ha raccontato di quanto sia stato impegnativo dirigere l’ultimo capitolo uscito di The Mandalorian, “L’Assedio”. In particolare,...

Stardust Live, Episodio 2 – Le Prime Volte

Online la seconda puntata di Stardust Live, la prima live al femminile a tema Star Wars, targata EmpiRa! Stardust Live – Le nostre prime volte...

Columbia lancia la linea dedicata a Star Wars The Mandalorian

Se siete fan dell'abbigliamento a tema Star Wars questo è l'articolo per fa per voi. Columbia X Star Wars The Mandalorian La nota casa di...