Home Viaggi Episodio VII: qualche considerazione sulle location

Episodio VII: qualche considerazione sulle location

Attenzione, questo articolo contiene spoiler (ma ormai l’abbiamo visto tutti, no?)

Durante la visione di un film c’è chi si concentra su alcuni dettagli e chi su altri, io ad esempio mi concentro sulle location, sono un vero maniaco di questo aspetto dei film. Me le vado a cercare su Google Maps, Street View e se posso ci vado. Mi è capitato di organizzare delle vacanze apposta per andare nelle location di alcuni film o viceversa quando vado in un posto mi informo se sono stati girati dei film e me li guardo prima di partire.

Nel caso di Episodio VII, mentre tutti aspettavano che Luke si togliesse il cappuccio, dentro di me stavo pensando “Cazzo! ma quello è Skellig Michael! Conosco quel posto!”. Esatto, ho riconosciuto il luogo di ritiro e meditazione di Luke Skywalker, il luogo del primo tempio Jedi non appena il Millennium Falcon si è avvicinato abbastanza all’isolotto. Ne ho avuto conferma quando ho visto Rey che percorreva i ripidissimi scalini e quando hanno inquadrato l’attrezzatura di Luke davanti a quella specie di trulli di pietra.

L’ho riconosciuto subito ma purtroppo non ci sono mai stato, li ho visti da lontano. Gli Skelligs sono 2 isolotti a circa 15 km dalla costa della penisola del Kerry, nel sud-ovest dell’Irlanda. Il Ring of Kerry è una bellissima strada panoramica che corre lungo la costa di questa penisola e chi ha avuto la fortuna di girare l’Irlanda on-the-road, molto probabilmente l’ha percorsa. È un giro di poche ore con molte viste spettacolari. Dalla punta della penisola, si possono vedere in lontananza, in mezzo all’Oceano Atlantico, Little Skellig e Skellig Michael.

Il primo non è visitabile ed ospita una nutrita colonia di uccelli marini mentre Skellig Michael, l’isola di Luke, è visitabile, sebbene con moltissime limitazioni. Su quest’isola infatti sorge un antico monastero cristiano (dell’anno 588), costruito con la tecnica preistorica della pietra a secco (tipica in Irlanda). Solo una dozzina di imbarcazioni hanno la licenza di portare i turisti sull’isola. Si tratta di piccole barche da circa 10-12 persone ed effettuano la visita una volta al giorno con una permanenza massima di 2 ore e mezza. Bisogna prenotarsi con largo anticipo (figuriamoci adesso dopo questo film) e non è detto che la visita si possa fare perché dipende dalle condizioni del tempo e del mare. Se è molto umido o piovoso ad esempio la ripida scalinata in pietra diventa scivolosissima e molto pericolosa e le visite sono vietate. Sono morti alcuni turisti su quella scalinata e il tempo in Irlanda è spesso piovoso, anche per questo gli Skelligs sono molto difficili da visitare.

Ad ogni modo, se volete andarci, vi lascui alcune info pratiche: si parte da Portmagee, su Valentia Island, un’isola sulla cima della penisola del Kerry collegata da un ponte alla terraferma. Questo è un sito con alcune notizie su come prenotarsi e raggiungere l’isola: http://skelligislands.com. Questo è un’altro: http://www.skelligboattrips.ie/index.html questi non sono gli unici comunque.

Se quindi pensate di andare in Irlanda la prossima estate iniziate già ad informarvi per prenotare la visita e tenete presente che la Ryan Air serve anche il piccolo aeroporto del Kerry che è piuttosto vicino al Ring of Kerry e a Portmagee.

greeham-bunkers2Bene, ora andiamo a prendere in esame un’altro paio di location di Episodio VII meno suggestive ma più facilmente visitabili. La prima è il RAF Greenham Common, un ex aeroporto della RAF costruito nel 1942 e ora tramutato in parco pubblico. Si trova nel villaggio di Greenham, subito a sud di Newbury, una città circa a metà strada tra Bristol e Londra. Da Londra dista solo 89 km. Nel film questo aeroporto è nientemeno che la base della Resistenza capitanata dal Generale Leia Organa. È il luogo in cui Finn e Poe Dameron si rivedono dopo la disavventura di Jakku e da dove i caccia partono per l’attacco alla base Starkiller.

La seconda location è il bosco in cui c’è il primo incontro tra Rey e Kylo Ren, nei pressi del castello di Maz Kanata. Quel bosco si chiama Puzzlewood ed è all’interno della Foresta di Dean, vicino ai confini con il Galles, poco a nord-ovest di Cardiff. Pare che Puzzlewood abbia ispirato Tolkien per la Terra di Mezzo e oggi è visitabile con un biglietto di poche sterline. È stato utilizzato come location anche per un paio di episodi di Merlin e del Doctor Who (per la precisione per Flesh and Stone e lo speciale natalizio The Time of the Doctor).

A questo punto parte un’idea-barra-proposta di viaggetto che comprenda un po’ di nerdismo e un po’ di cultura generale. Se si prendesse un aereo per Bristol, si potrebbe facilmente raggiungere con un auto a noleggio l’aeroporto di Greenham e visitare la base della Resistenza. Tornando indietro ci si può fermare a Stonehenge che è sempre suggestiva e magari passare la prima notte a Bath, città che mi descrivono come bellissima, tra le più belle d’Inghilterra. Il giorno seguente si va a Puzzlewood dove si possono inscenare dei bei duelli con spade-laser per poi dirigersi a Cardiff dove si può fare il tour pedonale delle location del Doctor Who. Il mattino seguente si visita la Doctor Who Experience, si entra nel Tardis e si fa shopping selvaggio di cacciaviti sonici e quant’altro. Poi si torna all’aeroporto di Bristol e si vola verso casa. Ovviamente è una primordiale idea di weekend da farsi in tarda primavera o inizio estate e senza tener conto degli orari dei voli che possono anche rivelarsi tutt’altro che comodi. Però io l’amo l’ho lanciato e un weekend da nerd tra nerd sarebbe una grande figata. Se qualcuno ci sta… io sono pronto a prenotare il viaggio anche adesso!

Per il momento ho finito, se un domani ne avrò l’occasione mi piacerebbe continuare a parlare di locations, sia future sia di quelle che ho visitato in passato.

Ciao a tutti e che la Forza sia con voi!

Scritto da Paolo Mazzuca

Must Read

The Mandalorian 2 – Un ulteriore indizio sulla presenza di Boba Fett

Da mesi si susseguono online voci e rumor sulla presenza di Boba Fett nella seconda stagione di The Mandalorian, ieri sembra...

Comlink Live – Episodio 3 – Il progetto High Republic

Online il nuovo episodio della rubrica live Comlink Live!

Star Wars: Tales from the Galaxy’s Edge, ecco il trailer del nuovo gioco VR!

Durante la conferenza del lancio del nuovo visore Oculus Quest 2, sono state mostrate le prime immagini nella nuova avventura VR ambientata nella galassia lontana lontana: Star Wars Tales from the Galaxy's Edge

The Mandalorian vince i suoi primi 5 Emmy!

A pochissime ore dopo il rilascio del trailer della seconda stagione di The Mandalorian, sono iniziate le assegnazioni degli Emmy, gli Oscar...

[Recensione] Hasbro The Black Series – Cad Bane Edizione Speciale

Sono letteralmente andate a ruba, ma nonostante questo sono riuscito ad accaparrarmi una delle copie della The Black Series in edizione...