Altro
    CuriositàThe Mandalorian - pubblicati 2 video sugli effetti visivi della serie

    The Mandalorian – pubblicati 2 video sugli effetti visivi della serie

    Sono stati pubblicati online due video che mostrano come sono stati realizzati alcuni degli straordinari VFX di The Mandalorian.


    Gli spettacolari effetti visivi di The Mandalorian

    The Mandalorian

    The Mandalorian, una delle serie original di punta del catalogo Disney+, si è subito contraddistinta fin dalla sua uscita da una resa visiva ben al di sopra dei normali standard delle serie tv, potendo rivaleggiare sotto questo punto di vista con le pellicole della saga uscite al cinema.

    Sfruttando la cosiddetta tecnologia Stagecraft, sono stati realizzati sfondi e ambientazioni proiettati in seguito su una serie di schermi posti ad anello intorno al fulcro della scena, che cambiavano in base ai movimenti della cinepresa e agli angoli di ripresa. Grazie a questa tecnica, gli attori hanno potuto vivere un coinvolgimento e immedesimazione maggiore e più efficace nelle varie scene rispetto a quanto si può ottenere impiegando un più tradizionale green screen. In questo modo si può ottenere un doppio risultato, sia in termini di resa finale delle scenografie (che risultano più realistiche e profonde) che in termini di performance attoriali. Tutto l’impegno profuso si è tradotto in ottimi risultati di critica e pubblico, risultando la serie più vista del 2020.

    Industrial Light and Magic

    Lo studio principale coinvolto nella serie è l’ILM, una delle spin-off principali in casa Lucasfilm. Per quanto riguarda i vari personaggi è stato impiegato un perfetto mix tra effetti prostetici (per richiamare anche il lavoro svolto durante la trilogia originale), animatronics, ed effetti visivi. Nel video qui di seguito potete ammirare alcuni esempi di renderizzazione realizzati dallo studio per la serie, tra i quali spicca senza dubbio il mastodontico drago Krayt apparso nel Capitolo 9 – Lo Sceriffo:

    Per completare gli effetti visivi sono stati impiegati tutti e 5 gli uffici principali della ILM situati a San Francisco, Singapore, Vancouver, Londra e Sydney. Il lavoro svolto dallo studio è stato enorme, considerando che gli 8 episodi della seconda stagione contenevano circa 5000 scene con effetti visivi (in approssimativamente 308 minuti totali) oltre a tutti gli effetti real-time durante le riprese. Per avere un termine di paragone e capire lo straordinario sforzo produttivo, considerate che Episodio VIII – Gli Ultimi Jedi conteneva circa 2700 scene con effetti visivi su un totale di 152 minuti di film, ottenendo quindi circa lo stesso rapporto scene con effetti visivi/scene totali.

    Inoltre durante la serie sono stati impiegati numerosi modelli ricreati in scala, come ad esempio l’Incrociatore Imperiale di Moff Gideon o l’ormai iconica (e compianta) Razor Crest del Mandaloriano.

    The Mandalorian Gideon cruiser

    Un altro enorme risultato è stata l’ottima integrazione tra oggetti di scena e sfondo digitale proiettato grazie agli schermi LED del cosiddetto The Volume (il nome con cui viene chiamata la conformazione ad anello dello Stagecraft). Uno degli esempi più riusciti è presente nel Capitolo 15 – Il Vendicatore, precisamente durante scena iniziale ambientata nella discarica, dove alcuni oggetti fisici e prop sono stati collocati di fronte agli schermi per conferire maggiore profondità all’intera ambientazione. Oppure è curioso scoprire che i carri armati imperiali contenenti il rhydonium e sfruttati dai protagonisti per introfularsi nella base nemica sono stati ottenuti grazie alla combinazione di elementi pratici (come la cabina di pilotaggio) ed effetti visivi.

    Important Looking Pirates

    Uno degli studi meno noti specializzati in VFX ma fortemente coinvolti nella produzione di The Mandalorian è l’ILP, che aveva precedentemente collaborato con la Lucasfilm per Episodio IX – L’Ascesa di Skywalker e la prima stagione di The Mandalorian. Anche loro, tramite il loro profilo Twitter, hanno pubblicato un breve video per riassumere le scene principali a cui hanno lavorato:

    Ad esempio, lo studio ha lavorato nella parte di rifinitura estetica per il personaggio di Gor Koresh (il gangster che cerca di rapire il piccolo Grogu dalle mani del Mandaloriano nei primissimi minuti della stagione). Inoltre la ILP si è concentrata molto sul Capitolo 11 – L’Erede, in particolare sul battello dove Bo-Katan e compagni salvano Din Djarin e il Bambino dalla trappola dei Quarren, e sulla sequenza in cui i 4 fieri Mandaloriani assaltano la nave imperiale.

    Il lavoro svolto nella serie per quanto riguarda gli effetti visivi è stato di enorme portata, e sicuramente ha alzato l’asticella dei VFX in televisione, portando anche The Mandalorian ad ottenere numerosi premi e riconoscimenti tra i quali svariati Emmy Awards.

    E voi cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti

    Vi ricordiamo che se amate la saga potete venire a parlarne insieme a noi e tanti altri appassionati sul nostro canale Telegram e il nostro gruppo Facebook! Inoltre vi ricordiamo che potete trovare Empira su FacebookInstagramTwitterTwitch e YouTube.

    TWITCH

    I PIÙ LETTI

    DA NON PERDERE