IntervistaGli ultimi Jedi - Jason Fry risponde alle domande dei fan

Gli ultimi Jedi – Jason Fry risponde alle domande dei fan

In una recente intervista Jason Fry ha risposto ad alcune domande riguardo al suo ultimo romanzo “Star Wars: Gli ultimi Jedi” tratto dall’omonimo film.


Jason Fry e l’universo di Star Wars

Jason C. Fry è l’autore di numerose storie e libri di riferimento riguardanti Guerre Stellari. Uno dei suoi romanzi più conosciuto dai lettori è “The Clone Wars: Darth Maul : La cospirazione dell’ombra”. Nel 2016 fu incaricato da Lucasfilm di scrivere una versione ampliata di “Star Wars: Gli ultimi Jedi” e in questa intervista ha rilasciato parecchie curiosità e fatti particolari a riguardo.

gli ultimi jedi

Qual è il processo per ottenere un contratto per un romanzo?

Sono stato contattato da Lucasfilm e mi ha offerto il lavoro nell’estate del 2016, il che è stato stressante perché il mio coinvolgimento non è stato annunciato fino a un anno dopo, dunque avrei dovuto mantenere il segreto fino all’annuncio ufficiale. Non sono sicuro del motivo per cui Lucasfilm ha scelto me, ad essere onesti. Mi piace pensare che sia perché hanno visto che la Forza avrebbe avuto un ruolo enorme nel film, quasi come se fosse un personaggio a sé stante, e hanno pensato che avrei potuto dare una prospettiva interessante a questo basata sul libri e storie che avevo scritto per loro.

Nel 2015, con il programma editoriale “Journey to The Force Awakens“, avevo scritto The Weapon of a Jedi, che era una storia tranquilla in stile fiaba su Luke che imparava a comprendere la natura essenziale della Forza e a connettersi con essa. Considero Weapon fondamentalmente il mio prequel del romanzo di TLJ: è stato il mio campo di addestramento per comprendere Luke Skywalker, che è un personaggio sfuggente e difficile da interpretare, e per comprendere la Forza. Non avrei potuto scrivere il romanzo di TLJ senza quell’esperienza.

Puoi parlarci del processo di creazione di un romanzo? Prendi una copia del film e parti da lì? Come funziona?

Una copia del film come punto di partenza? Ma magari! Non ho nemmeno visto il film fino a un mese o due prima che uscisse, cioè dopo che avevo completato la mia prima bozza del romanzo. E una volta uscito il film, ormai eravamo nella fase di correzione delle bozze. Sono stato in grado di modificare alcune cose in base a ripetute visioni di TLJ (The last Jedi) nella mia Alamo Drafthouse, ma tali modifiche dovevano essere minime. La proiezione in anteprima che ho ricevuto è stata un’esperienza divertente: l’ho vista in una sala di proiezione della Disney a Burbank, e stavo freneticamente prendendo appunti.

La sequenza delle scene nella prima parte del film è stata rielaborata parecchio. Quindi ero un po’ in preda al panico, ed era buio pesto nella sala di proiezione, e stavo scarabocchiando note su tutto ciò che dovevo cambiare in un taccuino che non riuscivo a vedere. Sono uscito dalla sala di proiezione e ho guardato i miei appunti e praticamente li avevo scritti uno sopra l’altro: erano inutili. È stato un brutto momento. Ad ogni modo ho avuto la possibilità di rielaborare parte delle mie bozze, e ciò lo devo anche a Rian Johnson che mi ha concesso di tenere alcune sceneggiature che magari erano state eliminate nella pellicola finale. Di conseguenza all’interno del romanzo possedevo anche l’esclusiva riguardo ad alcune scene.

Hai parlato con il regista di come adattare il film a un libro e, in caso affermativo, qual è stato il suo consiglio?

Mi sono seduto con Rian nell’estate del 2017 allo Skywalker Ranch e ho parlato dei temi principali, degli archi dei personaggi e del tono che voleva. È stato un grande aiuto. Le sfide più interessanti nell’adattamento sono state probabilmente le scene di Rashomon di quello che è successo tra Luke e Ben la notte in cui il tempio è stato distrutto e la voce fuori campo che collega l’esperienza di Rey nella grotta e la scena della punta delle dita con Kylo.

La voce fuori campo è stata una grande sfida. Nel film, porta a una sorpresa visiva: anticipiamo che Rey sta discutendo della sua esperienza con Luke, solo per scoprire che la persona con cui sta parlando è Kylo. Capisci il problema? Questo è il linguaggio del film, non del testo. Ho dovuto riprogettare quel senso di sorpresa in modo che funzionasse sulla pagina. Sono orgoglioso di come l’ho risolto, ma ci sono voluti un giorno o due di camminare e borbottare per trovare la risposta.

Quanto sono severi i tuoi parametri in termini di inserimento delle tue idee nel libro?

Avevo molta libertà per farlo, ma quelle idee dovevano supportare la storia di Rian invece di essere solo cose che pensavo sarebbero state belle. Questa è stata una grande lezione iniziale del lavoro: mettere da parte il tuo ego come scrittore. Mi sono detto di considerarlo un lavoro che ho ottenuto solo perché Rian era troppo impegnato a scrivere e dirigere il film per scrivere lui stesso il romanzo. Il materiale non cinematografico nel romanzo proveniva da diverse fonti.

Il prologo è stata una mia idea, che ho perseguito perché pensavo che approfondisse l’idea della Forza come quasi un personaggio. Non è una visione di una vita pacifica in cui Luke non è mai diventato un eroe: è la Forza che gli dice che ha commesso un errore e che la pace che ha trovato in esilio è illusoria, perché la galassia ha bisogno di lui. Volevo farlo perché per la maggior parte del film abbiamo il punto di vista di Rey, non quello di Luke – Luke è un enigma che sta cercando di risolvere. Il mio lavoro era essere fedele a questo, il che significava che non potevo essere dentro La testa di Luke, almeno non fino a quando Rey non lascia Ahch-To e Luke si apre alla Forza.

Tornando indietro nel tempo, sono stato in grado di dare ai lettori una piccola anticipazione su ciò che volevano di più che uscisse da TFA. Quindi quello era mio, come lo erano altre cose, volevamo vedere il funerale di Han Solo, per esempio. La scena preferita di molte persone nel romanzo è la piccola scena tra Leia e Chewie, quando lei finalmente crolla e lui la conforta.

gli ultimi jedi

Gli attori sono stati in grado di avere input per le loro trame nel libro?

No. Sarebbe stato un ponte troppo lontano, date le pressioni del tempo. Rian mi ha gentilmente invitato a mandargli un’e-mail se avessi avuto domande, ma l’ho lasciato solo. Per prima cosa, la sua sceneggiatura era molto dettagliata sugli stati emotivi dei personaggi e su ciò che stavano pensando, che è spesso ciò che ti manca nello scrivere un romanzo.

Per un altro, l’uomo aveva appena finito un fottuto film di Star Wars, e ho pensato che meritasse un periodo di riposo senza essere importunato da scrittori fastidiosi.

Tuttavia, sono contrario all’idea popolare che gli attori conoscano meglio i loro personaggi e meritino una sorta di potere di veto sulle loro azioni. Le opinioni degli attori sono ovviamente importanti, in particolare per quanto riguarda il modo in cui un personaggio reagisce o la lettura di una battuta o qualcosa del genere – testimonia la denuncia di Carrie Fisher su Leia che diventa muta dopo che Jabba l’ha incatenata in ROTJ. Ma gli archi dei personaggi e la narrazione generale mi sembrano animali diversi.

È naturale che gli attori diventino protettivi nei confronti dei loro personaggi o cerchino di centrarli nella narrazione, e non è sempre ciò di cui la storia ha bisogno. Quella dinamica era ciò di cui parlava Mark Hamill quando ha detto che all’inizio non aveva riconosciuto Luke di TLJ. È una citazione che i detrattori di TLJ amano citare, ma tralasciano Hamill ammettendo che è arrivato a capire cosa voleva Rian con il personaggio. Sulla stessa falsariga, penso al mondo di John Boyega, che è un attore meravigliosamente dinamico. Ma penso anche che la sua critica alla trama di Finn in TLJ sia fuori luogo. Penso che TLJ abbia fatto un buon lavoro con Finn, e ciò che manca ai fan a cui non piace la sua trama è che è un capitolo centrale: tutte complicazioni, capovolgimenti e passi falsi, in particolare per Finn.

Finn è un personaggio straordinario che ho chiamato la coscienza della trilogia del sequel, un bambino soldato con una bussola morale abbastanza forte da scrollarsi di dosso la sua programmazione e rifiutarsi di uccidere per il Primo Ordine. Ma è anche alla ricerca di un’identità dopo aver preso quella decisione. In TFA si dedica a Rey, ed è lì che è ancora in TLJ. I suoi nuovi amici si aspettano che si dedichi alla Resistenza, ma questa è l’ultima cosa che vuole: ha appena smesso di essere un soldato per una causa, e non si iscriverà a farlo di nuovo. Che è ciò che rende così interessante la sua relazione con Rose. Ha perso sua sorella, la persona che significava tutto per lei, e riversa il suo dolore nella devozione alla causa che entrambi hanno servito, a spese di tutto il resto. È arrabbiata con Finn perché sta facendo il contrario. Poiché non capisce cosa ha passato, vede la sua devozione a Rey come egoismo.

Quindi trascorrono il film parlando tra loro, fino a quando alla fine si uniscono e si aiutano a vicenda per uscire dai rispettivi solchi. Tranne che correggono eccessivamente, con Finn ora disposto a morire per la causa che ha rifiutato e Rose che cerca di salvare Finn anche se danneggia la causa che ha servito. È divertente, toccante e molto umano, e li lascia in un posto davvero interessante alla fine di TLJ. Le loro complicazioni non sono state completamente risolte, perché non è il compito di un capitolo intermedio, ma hanno lavorato sui loro problemi e ne sono usciti più saggi, più forti e pronti a fare il passo successivo.

Nel libro, abbiamo una storia aggiuntiva su Hux e suo padre e Rose e sua sorella. Ti è stato fornito o avevi un po’ di libertà lì?

La maggior parte di questo era materiale stabilito in altri libri: avevo usato il padre di Hux come personaggio nella mia serie Servants of the Empire, che è dove vediamo le origini del programma del Primo Ordine per addestrare gli assaltatori fin dall’infanzia. Ed Elizabeth Wein aveva scritto Cobalt Squadron, che ha abbozzato molti dei retroscena di Rose e Paige. (Ho anche rivisitato una scena di Elizabeth per il romanzo.) È stata una cosa divertente da fare – come lettore e scrittore, amo tutte le connessioni tra le storie di Star Wars, ed è stato davvero soddisfacente collegare TLJ con libri, fumetti e videogiochi in modo che la storia fosse ancora più profonda.

gli ultimi jedi

Chi è stato il tuo personaggio preferito da scrivere? Il più difficile e il più facile?

Preferiti? Luke e abbiamo lavorato duramente su Leia, che è un personaggio che ho ammirato sin da quando ero un bambino di otto anni. Inoltre ho adorato scrivere scene dal punto di vista di BB-8, entrare nelle macchinazioni di Snoke e dare a Holdo una nota di grazia con il suo sacrificio, e molto altro ancora. Avevo un sacco di preferiti!

Il più difficile è stato probabilmente Poe, perché non avevo il suo arco narrativo così chiaro nella mia testa come avrei dovuto, e sentivo che avrei potuto fare di più lì. E vorrei essere stato più attento nello scrivere l’atteggiamento di Rose nei confronti di Rey. Sono stato criticato, e giustamente, per aver scritto che Rose era gelosa di Rey. Per essere chiari, penso che Rose sia un po’ gelosa di Rey, e questo è solo umano. Ma non è questo che la fa davvero arrabbiare – è più che è arrabbiata perché Finn è devoto a una persona invece che alla causa più grande. Non capivo che la gelosia tra i personaggi femminili fosse un tropo davvero tossico: era un punto cieco per me come scrittrice. se l’avessi capito, avrei lavorato per dare a quelle scene più sfumature e mettere l’accento a cui apparteneva. Ho fatto del mio meglio per ascoltare e imparare, quindi non lo faccio più, ma la lezione è arrivata un po’ tardi per il romanzo.

Il personaggio più facile da scrivere? C’è una storia interessante lì. Avevo un grande foglio Excel di tutte le scene del romanzo, e uno che ho messo in grassetto era Luke che moriva e passava nella Forza. Ho sempre saputo quanto fossi lontano da quella scena, perché era così cruciale e una grande responsabilità – voglio dire, questa è la morte di Luke Skywalker, e stavo per scriverne la versione romanzata.

Pensi che Ben veda Luke più come un padre per lui che per Han?

Penso che Ben sia deluso da tutte le sue figure paterne, il che fa parte di ciò che alimenta la sua rabbia. Vede Han come un criminale trasandato, Luke come un rivale geloso e Snoke come un manipolatore indifferente. Rifiuta tutte queste figure paterne come carenti e non può riempire il vuoto che rimane, finché non raggiunge quel momento cruciale su Kef Bir. Discuto con alcune delle scelte narrative di ROS, ma quella scena di Ben e la visione di Han è perfetta. È dolce, inaspettato e interpretato magnificamente, e riporta Han al ruolo di figura paterna nella mente di Ben.

Quel momento si combina con il fatto che Leia si riversa nella Forza per dire a Ben che lo ama e Rey che guarisce la sua ferita mortale. È un trio di atti altruistici per una persona che è convinta di non meritare amore e compassione, e che è stata avvelenata da questo. Quegli atti lo liberano, bandendo Kylo e ripristinando Ben, e indirizzandolo verso il percorso che segue per il resto della storia.

È la mia sequenza preferita in ROS, perché ci dà tutti i valori fondamentali di Star Wars: compassione e sacrificio, famiglia e perdono.

Cosa pensi che abbia visto Ben quando ha guardato nella mente di Luke quella notte?

Ah. È una scena così bella. Per me, risale ad Anakin Skywalker nell’episodio I, e Qui-Gon dice a Shmi che può vedere le cose prima che accadano. Ecco perché Anakin è un grande sgusciatore: non è che abbia riflessi sovrumani, ma che la Forza gli permette di reagire agli eventi prima che accadano. È il tragico dono di Anakin e una parte fondamentale della sua caduta. Luke, ovviamente, è il figlio di Anakin. Vede la distruzione e il dolore che Ben causerà e reagisce istintivamente e male, in un modo che rompe la loro relazione.

Ti è stato detto quanto piano c’era per una trilogia coesa? Ti è stata presentata una visione chiara?

No. Non sapevo nulla di ROS quando ho scritto il romanzo di TLJ, e non ho idea di quanta parte di quella narrazione fosse stata risolta a quel punto.

Avresti predetto la morte o la redenzione vivente per Ben sulla base di TLJ?

Anche se non ho visto arrivare la scena di Kef Bir – che è uno dei motivi per cui lo amo così tanto – il destino finale di Ben si è svolto più o meno come avevo immaginato. Per coloro che hanno trovato quel finale insoddisfacente, offrirei questo come potenziale conforto: Kylo Ren vuole disperatamente seguire il percorso di Darth Vader, ma Ben Solo finisce per seguire il percorso di Anakin Skywalker, facendo un sacrificio per amore per salvare il galassia.

Mi piace la simmetria di questo e lo trovo molto Star Wars.

Non ho idea di cosa riserva lo storytelling futuro, quindi è meglio che non lo veda riapparire come una previsione clickbait, ma ROS ci ha mostrato che alcune connessioni sono più forti della morte. Han appare a Kylo e Rey ha una visione di Luke e Leia su Tatooine. Pensi davvero che sia l’unica visione che vedrà mai? E Luke non ci ha detto che nessuno se n’è mai veramente andato?


Se amate Star Wars venite a parlarne insieme a noi e tanti altri appassionati sul nostro canale Telegram e il nostro gruppo Facebook! Inoltre vi ricordiamo che potete trovare Empira su FacebookInstagramTwitterTwitch e YouTube.

EmpiRa ha ufficialmente aperto il tesseramento per l’anno 2021 e 2022! Se volete unirvi a noi non vi resta che cliccare nel link sotto. Abbiamo tanti piani per il futuro e come disse una vecchia conoscenza: Saremmo onorati se vi uniste a noi!
LINK AL TESSERAMENTO

TWITCH

TESSERAMENTO

EVENTI