Home Fumetti The High Republic - Cavan Scott parla del fumetto Marvel e del...

The High Republic – Cavan Scott parla del fumetto Marvel e del nuovo lato dei Jedi che vedremo in esso

Star Wars The High Republic sta per partire e Cavan Scoot autore del fumetto Marvel che porta il nome dell’intero progetto, ha rilasciato una succosa intervista che vi riportiamo di seguito.


Star Wars The High Republic e i Jedi come non li abbiamo mai visti

Come ben sappiamo questo progetto prenderà vita 200 anni prima de La Minaccia Fantasma, in un’epoca chiamata appunto High Republic, dove i Jedi sono al massimo del loro splendore. Li vedremo esplorare la galassia, affrontare una dura crisi e sopratutto sembra che scopriremo lati inediti di questi personaggi; su questo Cavan Scott si sofferma particolarmente nell’intervista.

Il fumetto in particolare da lui scritto, narrerà le gesta di Ssker un maestro Jedi Trandoshano molto poco “tradizionale” per i Jedi come li conosciamo e Keeve Trennis, la sua padawan che diventerà una dei cavalieri Jedi più giovani dell’intero Ordine.

“Abbiamo avuto storie di Jedi che erano fiduciosi. Abbiamo avuto storie di Jedi che cercano, che vogliono saperne di più, che vogliono essere migliori”, ha detto Cavan Scott. “Io voglio raccontare la storia di una Jedi che sia pronta, ma non sa quanto lo sia davvero. Soprattutto non sa perché è stata scelta, per questo  lotta con quella domanda e continua a chiedersi cosa significhi per lei. Cosa dovrebbe rispondere alle altre persone? Ha passato una vita con Sskeer [il suo maestro Jedi] che è sempre stato li, ma ora non c’è. Lei ora è uguale a lui. Le loro strade stanno per dividersi e per le non è facile. È stato affascinante.”

Questa è stata l’idea che ha guidato Scott durante la stesura del progetto, voleva mostrare anche il lato insicuro e se vogliamo sentimentale dei Jedi.

L’autore si lascia anche andare raccontando una delle sue paure maggiori duranete la stesura delle idee allo Skywalker Ranch.

“Qualcosa di cui soffro a volte è la “sindrome dell’impostore”, ed è qualcosa con cui stavo lottando quella settimana [allo Skywalker Ranch]”,e più parlavamo di ciò che potevano essere i Jedi – ed era la seconda settimana in cui eravamo li, quando abbiamo davvero stabilito quale sarebbe stata l’era – più continuavo a pensare quanto fosse spaventoso per me essere in quella situazione, pensare: ‘Ho un posto dove stare a questo tavolo? Mi merito un posto a questo tavolo? Ho una storia da raccontare?”

Di seguito il resto dell’intervista e alcune tavole inedite dal fumetto.

D: Sembra una vita fa, quando questo era il misterioso “Project Luminous”. Come è stato lavorare su questo progetto condiviso e sopratutto ritagliare e ritagliarsi una nuova finistra nell’universo di Star Wars?

Scott: Molto eccitante. Quindi, penso che i primi discorsi con Mike [Siglain, direttore creativo di Lucasfilm Publishing] al Comic-Con di San Diego, quando potevamo avere un Comic-Con di San Diego, siano stati alcuni anni fa, mi ha chiesto se avessi voluto salire a bordo. Ci ho pensato almeno un secondo prima di dire di sì. Ha poi aggiunto che non sapevo chi fossero le altre persone, perché era in procinto di chiederlo anche a loro. Quindi, ho accettato di farlo. Sapevamo che ci sarebbe stato un viaggio al ranch [Skywalker] che, ovviamente, era di per sé eccitante… ma sì, all’inizio non sapevamo chi fossero gli altri. E così c’è stato questo giorno in cui qualcuno mi ha inviato un’e-mail ed i nomi erano lì – c’era una sensazione tipo, “oh, grazie al cielo posso lavorare con loro. Non sai ma com’è lavorare con qualcuno fino a quando non lo fai la prima votla. La connessione col team Star Wars, dal punto di vista della scrittura, è derivata da From a Certain Point of View, l’antologia di scrittura che è uscita per il 40 ° anniversario di A New Hope. Quel libro, credo, ci ha riuniti tutti, principalmente perché l’evento che abbiamo fatto al New York Comic Con quando è stato lanciato, abbiamo firmato quelle che sembravano centinaia di copie. Ci siamo sistemati in questa stanza minuscola e siamo passati dall’uno all’altro, e abbiamo fatto questo enorme panel dove eravamo in quindici – perché era un progetto comune, c’erano così tante persone. La comunità degli scrittori della narrativa di Star Wars si è avvicinata molto a causa di quel libro. Ed era qualcosa che stavamo facendo insieme, ed è stato emozionante. Quindi sì, ho conosciuto tutti gli altri ragazzi della squadra ma non avevo mai lavorato con loro, ma ci conoscevamo tutti. Penso che ci siamo sentiti tutti allo stesso modo. E poi è iniziata la costruzione del progetto, non sapevamo davvero cosa ci aspettava quando abbiamo fatto il primo viaggio al ranch e abbiamo passato quei giorni a discutere di ciò che amiamo di Star Wars. Ed è qui che è iniziato tutto. ‘Cosa amiamo di Star Wars?’ Cosa amiamo della narrazione? Abbiamo visto Star Wars: A New Hope, il nuovo taglio 4K, nel teatro del ranch, il che è stato semplicemente incredibile. Con la statua di Palpatine di fronte a noi! Tutto era così surreale. Daniel [José Older, scrittore del fumetto di IDW High Republic Adventures] e io abbiamo passato l’intera settimana a passeggiare per il ranch dicendo “Cosa?!”. Quella sensazione non è mai andata via. Da allora siamo tornati lì, lavorando con Rob [Simpson, redattore senior di Lucasfilm Publishing] Mike, e l’intero team dello story group e gli editori, tutte le persone coinvolte. Ma abbiamo ancora avuto quei momenti – e parliamo ancora regolarmente, noi cinque, di quei momenti – camminando per il ranch la prima volta e dicendo: “Questo è incredibile!”. Deve continuare. Deve essere eccitante. Deve sembrare fresco, per farci trasmettere quella freschezza. È tutto basato sul nostro amore per il franchise. Quindi, l’attesa per far sapere alla gente cosa fosse Project Luminous era folle, esasperante e necessaria. Poi abbiamo avuto un periodo di tempo in cui pensavamo che sarebbe uscito, ma, a causa di cose che sono successe nel mondo, è stato ritardato. Ma sai, questo ha solo reso tutto più eccitante per noi. Adesso siamo molto eccitati. Mancano un paio di mesi al suo debutto.

D: Ami da morire Star Wars. Hai scritto molto di Star Wars fino ad oggi. Ma con Marvel, arrivi a quello che penso sia un pubblico leggermente diverso: ti è sembrato diverso?

Scott: Penso che si tratti di vedere Star Wars attraverso una lente diversa. Una storia di Star Wars è una storia di Star Wars. Ci sono elementi lì, indipendentemente dal pubblico per cui scrivi. Includerai sempre certe cose. Ora, ovviamente, quando scrivi per un pubblico di tutte le età, non per un pubblico di bambini, chiunque può passarlo da un adulto a un bambino e, si spera, può leggerli insieme. Questa è stata la ragione dietro Star Wars Adventures, all’inizio. Quindi, non mi avvicino alle storie in modo diverso dal punto di vista della creazione: ovviamente, quando le racconti, passa attraverso una lente diversa. Devi essere responsabile quando scrivi per un pubblico di tutte le età, devi stare attento a ciò che ci metti. A volte al dodicenne piace che il racconto sembra più vero o più spaventoso, e per me, personalmente, al dodicenne piace sempre quando fa paura. E così, puoi concedere alle cose più profondità e anche più spazio. Puoi approfondire di più le dimensioni dei personaggi e puoi essere un po’ più, anche se non troppo, esplicito; perché è ancora Star Wars – l’azione deve sembrare parte dell’universo di Star Wars nel suo insieme – ma puoi esplorare la realtà di ciò che è nello spazio, e nella Repubblica a quel tempo. Per me, personalmente, scrivere per la Marvel è quasi riportare tornare agli inizi, perché ho iniziato il mio viaggio nel fandom di Star Wars non con il film, ma con il settimanale Marvel UK. Il primo numero, che ho ancora, di Star Wars Weekly: è stato il primo dei fumetti, il primo di sempre. Sono entusiasta di scrivere il nuovo fumetto Marvel per questa nuova era. È come tornare a casa.

D: High Republic sta raccontando una storia più ampia ora che c’è questo incidente nell’iperspazio che raduna i Jedi insieme. Ma stai raccontando la storia di due membri molto specifici dell’ordine che abbiamo incontrato brevemente e di cui vogliamo parlare un po ‘, perché sono entrambi personaggi molto interessanti. Quando racconti queste grandi storie interconnesse dell’universo condiviso, quando tracci gli archi, quanto spesso pensi “Oh, questo è legato a questo libro” o, “Ora qualcuno sta raccontando questa storia con il Jedi o il personaggio” – quanto di questo è costantemente nella tua mente mentre scrivi i personaggi?

Scott: È sempre lì. La gioia di questo è che noi ci stiamo lavorando, in gran parte – ci incontriamo virtualmente una volta alla settimana. Parliamo ogni giorno, come ho detto, quindi lanciamo continuamente cose avanti e indietro. Stiamo leggendo le cose gli uni degli altri e ognuno di quei personaggi su cui ci concentriamo può entrare e uscire dai diversi libri e fumetti. È sicuramente sempre lì. Il modo in cui lavoro comunque, e il modo in cui scrivo Star Wars, mi piacciono quei piccoli collegamenti con tutto il resto. Mi piacciono gli easter egg, a patto che non facciano inciampare nessun lettore. Questa è l’unica cosa a cui tutti cerchiamo di stare molto attenti: anche se ogni parte dell’iniziativa racconta una parte diversa della storia più ampia, dovresti essere in grado di dire cosa sta succedendo. Quindi, se stai leggendo tutto, un grande Easter Egg è qualcosa che premierà le persone e non toglierà nulla a nessuno. Quindi, se stai leggendo qualcosa e vedi qualcosa e dici “Oh, aspetta, era nel libro di Claudia [Gray]” o, “Era in IDW!” o “Quello era in Light of the Jedi”, allora hai l’emozione di far parte della storia. Se non lo sai, sembra che faccia parte della narrazione naturale e poi si spera che scoprirai: “Aspetta, c’è dell’altro da scoprire”. Quindi è sempre lì. Vogliamo che sembri un universo unito. Keeve e Sskeer [i personaggi principali della serie Marvel] sono su Starlight Beacon, che è il cuore di Star Wars: The High Republic. Questa enorme stazione spaziale che è stata lanciata nelle “zone oscure”, un’area dello spazio con pochi pianeti o altro. È un faro per i viaggiatori che si spingono verso la frontiera, c’è un tempio Jedi a bordo della stazione. Anche i due Jedi su cui ci concentriamo – è la storia di Keeve e il suo maestro di Sskeer – fanno parte di una squadra. Questo è ciò che è stato eccitante per me. Siamo stati molto abituati a vedere maestri e apprendisti, ma qui vediamo un maestro / apprendista proprio nel punto in cui l’apprendista diventa un cavaliere. Li vedi doversi allontanare e diventare indipendenti. Diventano subito indipendenti in questa enorme stazione spaziale dove ci sono tutti questi altri Jedi che improvvisamente entrano in gioco, e nei primi numeri ci vengono presentati altri Jedi. Devono quindi capire come lavorare come una squadra, come un’unità, proprio come noi cinque che scriviamo The High Republic! Questa è la cosa eccitante, hai tutti questi Jedi in varie fasi della loro carriera: maestri, nuovi Jedi, persone che si sono trovate in una posizione che non sapevano di prendere, e sono fuori dalla loro zona di comfort, proprio ai margini della Repubblica, e devono essere un faro. È qualcosa che prendono molto sul serio, pesa su di loro: sono la luce per questo spazio. È stato qualcosa che ha avuto un impatto su quasi tutte le altre storie, e vedrai questi personaggi entrare e uscire anche dalle altre storie. Una cosa che sto facendo e su cui dobbiamo ancora annunciare maggiori dettagli è che sto scrivendo il secondo romanzo di High Republic Del Rey, quindi sono stato in grado di capire a che punto quel romanzo si adatta a quello che stiamo facendo con i fumetti. Di nuovo, non è un caso in cui le storie andranno ad intersecarsi, ma sai, si trovano nella stessa area, sono nella stessa parte dello spazio. Sai che le cose stanno accadendo nello stesso momento e se presti attenzione, ci sono segreti più profondi da scoprire, anche indizi per il futuro.

D: Hai toccato un po ‘la relazione tra Keeve e Sskeer, ma volevo chiedere di Keeve: quando tu e il team stavate creando questa versione dell’Ordine Jedi, perché eravate interessati a concentrarvi su Keeve? È in questo momento interessante che abbiamo visto nelle pagine di anteprima, sull’orlo di questo punto tumultuoso nella vita di un Jedi…

Scott: Onestamente penso che, per me, sia una cosa molto personale. Tutto risale a quella prima settimana allo Skywalker Ranch. Stavo camminando verso l’edificio in cui stavamo facendo il nostro primo incontro, mi sentivo a mio agio. Eppure, c’era anche una parte di me che diceva “Perché sono qui”, sai? C’era una parte di me che diceva: “Sono molto lontano da casa …” Letteralmente, vengo da Bristol, è molto diverso da Bristol a Skywalker Ranch, California! C’era un vero senso di … qualcosa di cui soffro a volte è la sindrome dell’impostore, ed è qualcosa con cui stavo lottando quella settimana. E più parlavamo di cosa avrebbero potuto essere i Jedi – ed era la seconda settimana in cui eravamo là fuori, che avevamo davvero stabilito quale sarebbe stata l’epoca in cui si sarebbero svolte le storie – più continuavo a pensare a quel momento in cui era spaventoso abbastanza per me, essere in questa situazione, pensare: “Ho un posto dove stare a questo tavolo? Mi merito un posto a questo tavolo? Ho una storia da raccontare? ” Annuncio pubblicitario Come sarebbe essere un Jedi che è stato letteralmente, subito dopo essere stato nominato cavaliere, gettato in questa situazione? Chi si ritrova all’improvviso nel punto più caldo dell’intera galassia: tutti gli occhi sono letteralmente su di lei. Tutti si aspettano che facciano bene, solo perché lei è lì. Solo perché è con queste persone. È stata nominata cavaliere, quindi hanno fiducia in lei. Se non fosse stata pronta, non sarebbe stata un cavaliere Jedi. Questo mi tornava in mente e mi affascinava perché abbiamo avuto storie di Jedi fiduciosi. Abbiamo avuto storie di Jedi che cercano, che vogliono saperne di più, che vogliono essere migliori. Voglio raccontare la storia di un Jedi che è sì potente, ma non sa quanto sa quanto e non sa perché è stata scelta per questo e lotta con quella domanda e cosa significherebbe per il suo personaggio. Come risponderebbe alle persone? Ha una relazione con Sskeer che ha da anni, come suo apprendista. E lui è lì. Ma ora non c’è. Lei è uguale a lui. È stato affascinante.

D: Volevo parlare di Sskeer: è un grosso Trandoshano con un braccio solo e lo amo già. Ma come hai detto tu, non solo ha questa relazione molto interessante con Keeve, ma non vediamo normalmente nemmeno i personaggi di Trandoshani raffigurati in questo modo. È una razza che di solito è codificata in Star Wars come cacciatori di taglie, come guerrieri – di solito non visti in una luce particolarmente brillante – mentre ora abbiamo un maestro Jedi. Com’è stato scrivere un personaggio del genere?

Scott: Questa particolarità di Sskeer è che lui … io fatico con razze aliene che hanno una caratteristica cucita addosso. Monoculture, con cui lotto, perché non ce l’abbiano, come specie. Era qualcosa che desideravo esplorare. Devo totalmente l’idea a Phil Noto, fumettista straordinario, che ha realizzato questo concept art mentre stavamo elaborando queste idee – e c’era un Trandoshano nel mezzo con una spada laser. Ero molto interessato, come Mike e gli altri vi diranno, con quella foto, cercando di capire chi fosse ogni persona nella linea – Sskeer si è davvero distinto per me. Proprio per questi motivi, è un Trandoshano, proviene da un ambiente molto brutale. Come sarebbe per un Jedi? Deve aver lavorato duramente per superarlo durante il suo allenamento. Quale sarebbe il suo rapporto con un giovane appena entrato? Vedremo Keeve e Sskeer più giovani [in alcuni momenti durante il fumetto]. Come sarebbe andato contro la sua natura, sforzandosi di essere qualcos’altro, di essere il migliore? Quindi sì, Phil mi ha dato il via per quello e ho corso con esso. Solo più tardi Sskeer divenne il maestro di Keeve. Nelle versioni precedenti, era un Jedi sulla stazione ma non ero contento di come era – non mi sentivo come se avesse un passato che potessimo davvero capire – quindi quando è arrivata l’ispirazione per fare di Sskeer il suo maestro, è lì che Keeve si è davveroconcretizzata. Penso che le persone adoreranno quella relazione. Dalle poche pagine che le persone hanno visto online, sembra che lo siano. Non sarà sempre facile per loro – non posso davvero dire di più … ma ci aspettano tempi difficili.

D: Abbiamo immagini familiari – astronavi, spade laser, i Jedi che indossano i loro abiti – ma stai aiutando a rendere questo nuovo periodo di Star Wars in parte lo Star Wars che lo ha preceduto. Com’è stato questo processo per te e il team?

Scott: È qualcosa che prendo molto sul serio. Probabilmente all’inizio c’è stato un punto in cui abbiamo spinto le cose oltre e poi le abbiamo riportate indietro perché deve essere riconoscibile “La Repubblica”. Deve essere riconoscibilmente “The Jedi Order”. Ma 200 anni sono tanti, in questi 200 anni possono succedere molte cose. Conosciamo così bene i Jedi dell’era prequel, quindi sappiamo dove finiscono, ma la domanda è sempre stata nella nostra mente: “Da dove vengono? Dove sono adesso? Come sono arrivati ​​li?” Non volevamo che fosse esattamente lo stesso. Non volevamo che sembrasse come se l’Ordine fosse rimasto fermo: sappiamo che l’Ordine è esistito per migliaia di anni. Deve essere cambiato in quel periodo. Il linguaggio deve essere cambiato all’interno dell’Ordine, come il passato deve averlo cambiato. Le vesti sono qualcosa a cui i concept artist si sono interessati in particolare, sono un po ‘più elaborate delle vesti da monaco che vediamo nei prequel – ci sono ragioni narrative per questo. Ci sono ragioni narrative per cui finiscono come nei film prequel. Anche le spade laser sono un po ‘più elaborate. Questa è un’era di pace in cui la galassia sta crescendo, prosperando. I Jedi, senza dover affrontare guerre e battaglie, sono stati in grado di prosperare al suo interno e guidarla, essere allineati con essa. Mostrano la via senza essere coinvolti in tutta la politica, quindi i Jedi si trovano in un posto molto, molto diverso quando inizia questa storia. Non sto dicendo che si sentano a proprio agio, ma sono più potenti di quanto non siano mai stati, probabilmente più in armonia di quanto lo siano mai stati. È un momento in cui ai Jedi è forse concesso un po’ più di libertà di quanto abbiamo visto prima, per essere più unici, per essere più individuali nella loro comprensione del modo in cui funziona la Forza e di come funzionano i Jedi. E poi inizia il divertimento! Perché lì è dove siamo, dove dobbiamo arrivare: come avviene? Ma abbiamo provato a … ci sono certe cose che possiamo e non possiamo cambiare. Ci sono alcune cose che non dovremmo cambiare. Ma possiamo anche divertirci molto durante il viaggio. E penso che sia la cosa più importante.

Vi ricordiamo che The High Republic vedrà la luce a gennaio in lingua inglese, ma che in primvara 2021 grazie a Panini arriverà anche in Italia! Non vediamo l’ora di poter leggere queste storie a dir poco fantastiche. Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti e vi ricordiamo che se amate Star Wars, potete venire a parlarne insieme a noi e tanti altri appassionati sul nostro canale Telegram e il nostro gruppo Facebook! Inoltre vi ricordiamo che potete trovare Empira su FacebookInstagramTwitterTwitch e YouTube.

TWITCH

I PIÙ LETTI

The Clone Wars: l’ordine cronologico degli episodi

La distribuzione della serie animata The Clone Wars in Italia è una storia lunga e travagliata. Dopo la trasmissione televisiva sia su reti privati...

Disney Gallery Star Wars: The Mandalorian 2 in arrivo a Natale

The Mandalorian 2 è giunto al mid season e il sito australiano di Disney ci promette un regalo speciale per Natale! Disney Gallery The Mandalorian...

The Mandalorian 2 Chapter 12: The Siege – Tutti i riferimenti e gli easter egg della puntata (IN AGGIORNAMENTO)

Eccoci di nuovo qua per il nuovo esplosivo 12° capitolo di The Mandalorian.Ricordatevi che ci serve sempre il vostro aiuto! Per cui, se trovate...

DA NON PERDERE

Stardust Live, Episodio 2 – Le Prime Volte

Online la seconda puntata di Stardust Live, la prima live al femminile a tema Star Wars, targata EmpiRa! Stardust Live – Le nostre prime volte...

Columbia lancia la linea dedicata a Star Wars The Mandalorian

Se siete fan dell'abbigliamento a tema Star Wars questo è l'articolo per fa per voi. Columbia X Star Wars The Mandalorian La nota casa di...

Star Wars: L’ascesa di Skywalker riceve una nomination ai Grammy

Nonostante la trilogia sequel abbia diviso i fan sul giudizio dei film, Star Wars ha da sempre un elemento imprescindibile: la colonna sonora. Star...