Altro
    Videogames EA: guadagno netto di 3 miliardi di dollari grazie ai videogiochi Star...

    EA: guadagno netto di 3 miliardi di dollari grazie ai videogiochi Star Wars

    I guadagni dell’azienda videoludica EA sono volati alle stelle dall’inizio della partnership con Disney per i videogiochi della Galassia di Star Wars, con un introito pari a 3 miliardi finora.


    Andrew Wilson, CEO di EA, ha rivelato che l’azienda ha venduto 52 milioni di copie dei vari videogiochi a tema Star Wars, da Battlefront a Squadrons, passando per Jedi: Fallen Order. Ciò che è sorprendente, inoltre, è che il videogioco per mobile Star Wars: Galaxy of Heroes, da solo ha portato introiti pari a un miliardo di dollari.

    Nel 2012, EA siglò un accordo esclusivo di dieci anni, subito dopo l’acquisizione di Lucasfilm da parte di Disney. Questo finché non è stata introdotta Lucasfilm Games, una nuova sezione dell’azienda completamente dedicata ai videogiochi, che ha siglato un accordo con Ubisoft per realizzare un open world Star Wars. A questo proposito, Wilson ha affermato:

    Il fatto che qualcun altro produrrà videogiochi di Star Wars non va letto necessariamente come un minor impegno da parte nostra. La nostra partnership è stata molto lunga e redditizia, con un guadagno netto di 3 miliardi… e siamo entusiasti da quello che potremmo continuare a fare nel futuro. Non è necessariamente vero che produrremo meno titoli.

    Siete rimasti soddisfatti dalla partnership tra EA e Star Wars? O guarderete con più interesse il percorso di Lucasfilm Games? Fatecelo sapere nei commenti!

    Se amate Star Wars venite a parlarne insieme a noi e tanti altri appassionati sul nostro canale Telegram e il nostro gruppo Facebook! Inoltre vi ricordiamo che potete trovare Empira su Facebook, Instagram, Twitter, Twitch e YouTube.

    Rebecca Micol Sergihttps://www.instagram.com/itsmicolx_/
    Fedele all'Inter, al Nintendo e a Star Wars dalla tenera età, difenderò Gli Ultimi Jedi con tutte le mie forze.

    TWITCH

    I PIÙ LETTI

    DA NON PERDERE